Articolo in Rivista "Salento Medico", n. 6/2014, "Il ruolo della dieta mediterranea nella prevenzione delle patologie cronico-degenerative" di Giudetti Anna Maria e Raffaele Cagnazzo.

I componenti della dieta mediterranea presentano effetti addizionali benefici per la salute dell'uomo, non solo in termini conservativi, ma soprattutto preventivi

Dalle iniziali osservazioni di Ancel Keys negli anni '50, nel corso di questi ultimi anni sono state pubblicate ampie e significative ricerche che danno importanti segnali dell'esistenza di un rapporto causale tra Dieta Mediterranea e riduzione dell'incidenza di malattie cardiovascolari, tumori e altre patologie gravi. Questi studi nel loro insieme hanno reso consapevole la comunità scientifica dello stretto legame che esiste tra alimentazione e salute, e del ruolo che alcuni alimenti e/o loro costituenti possono avere nel mantenerla. La capacità della tradizionale Dieta Mediterranea di ridurre il rischio di sviluppo e progressione di patologie cardiovascolari, tumorali e degenerative è stata attribuita alla bassa densità energetica, all'alto contenuto di fibre a basso indice glicemico, all'alto rapporto tra grassi insaturi (in particolare PUFA ω-3) e grassi saturi e alla ricchezza in antiossidanti.

(Intera rivista, articolo pp. 26-30)