Virtual Reality Summer School

VIRTUAL REALITY SUMMER SCHOOL - Biarritz, France, 25 - 29 August 2014

The objective of this summer school is to propose a privileged moment for stimulating discussions and exchanges around Virtual Reality. Meetings will be organized around talks, workshops and social events.

Wednesday 27th August, "Virtual Reality and Augmented Reality real-time applications", Roland Blach (Research Director of Fraunhofer IAO, Stuttgart, Germany), Lucio de Paolis (Head of Virtual Reality and Augmented Reality Laboratory, Salento University Assistant Professor, Italy) 

Read more: http://vr-summerschool.estia.fr/en/home.htm

 

 

Presentazione Libro Moruzzi

Martedì 28 ottobre 2014, alle ore 18 presso la Libreria “La Liberrima”, il Responsabile del gruppo BioeGov (DREAM), prof. Marco Mancarella, relazionerà all'interno dell'evento di presentazione del libro “La sanità dematerializzata e il Fascicolo Sanitario Elettronico. Il nuovo welfare a bassa burocrazia." del Prof. Mauro Moruzzi.

Seminario Nuove frontiere

 

Giovedì 20 novembre 2014, alle ore 11 nell'Aula Seminari del DREAM, il Gruppo di Ricerca BioeGov presenterà il Seminario "Nuove frontiere in Italia della Sanità Elettronica”.

"Nuove frontiere in Italia della Sanità Elettronica" rappresenta uno degli incontri tematici sull'eGovernment e la biopolitica applicata alla sanità, promossi dal Gruppo di ricerca BioeGov del DREAM. Questo appuntamento è orientato a tracciare una teoria dell'e-Health, cioè della sanità ad "alta comunicazione" come straordinaria aggregazione in rete degli attori coinvolti nel processo, partendo dal Fascicolo Sanitario Elettronico. Entro il 2015 tutti i dati e le informazioni di salute dei cittadini italiani andranno dematerializzati nei grafi di reti e-Health regionali; queste ultime dovranno essere intercomunicanti a livello nazionale e poi europeo, con un profondo cambiamento dell'organizzazione e delle possibilità di fruizione delle cure da parte del cittadino.
Questo incontro, in particolare, vede come ospite il prof. Mauro Moruzzi ideatore in Italia del centro unificato di prenotazione (CUP) e che, assieme ad Achille Ardigò ha avviato, a Bologna, il primo sistema e-Care per l'assistenza home care alle persone anziane fragili. Ha diretto importanti progetti di sanità elettronica: la rete SOLE per il Fascicolo Sanitario Elettronico dell'Emilia-Romagna; l'Osservatorio Nazionale per la valutazione ed il monitoraggio delle reti e-Care del Ministero della Sanità. Attualmente lavora alla realizzazione del Fascicolo Sanitario Elettronico del cittadino.
Nel seminario sarà presentato il suo nuovo libro "La sanità dematerializzata e il Fascicolo Sanitario Elettronico", un libro di ampio respiro e di grande attualità, che anticipa e illumina i radicali cambiamenti in atto nel sistema assistenziale e il passaggio verso un welfare "a bassa burocrazia".

Locandina (pdf)

Articolo - (http://www.salutesalento.it)

Articolo in Rivista "Salento Medico"

Articolo in Rivista "Salento Medico", n. 6/2014, "Il ruolo della dieta mediterranea nella prevenzione delle patologie cronico-degenerative" di Giudetti Anna Maria e Raffaele Cagnazzo.

I componenti della dieta mediterranea presentano effetti addizionali benefici per la salute dell'uomo, non solo in termini conservativi, ma soprattutto preventivi

Dalle iniziali osservazioni di Ancel Keys negli anni '50, nel corso di questi ultimi anni sono state pubblicate ampie e significative ricerche che danno importanti segnali dell'esistenza di un rapporto causale tra Dieta Mediterranea e riduzione dell'incidenza di malattie cardiovascolari, tumori e altre patologie gravi. Questi studi nel loro insieme hanno reso consapevole la comunità scientifica dello stretto legame che esiste tra alimentazione e salute, e del ruolo che alcuni alimenti e/o loro costituenti possono avere nel mantenerla. La capacità della tradizionale Dieta Mediterranea di ridurre il rischio di sviluppo e progressione di patologie cardiovascolari, tumorali e degenerative è stata attribuita alla bassa densità energetica, all'alto contenuto di fibre a basso indice glicemico, all'alto rapporto tra grassi insaturi (in particolare PUFA ω-3) e grassi saturi e alla ricchezza in antiossidanti.

(Intera rivista, articolo pp. 26-30)

Premio Nazionale

Il Premio Nazionale per l'alto valore scientifico assegnato ogni anno dalla Società Italiana di Otorinolaringoiatria (SIO) è stato vinto da una ricerca congiunta condotta dal Centro di Ricerca Interdisciplinare sul Linguaggio (CRIL) dell'Università del Salento e dall'Unità Operativa di Otorinolaringoiatria dell'Ospedale "Vito Fazzi" di Lecce.

Una ricerca interdisciplinare sviluppata grazie alla collaborazione fra il Centro di Ricerca Interdisciplinare sul Linguaggio (CRIL) dell'Università del Salento, diretto dal Prof. Mirko Grimaldi, e l'Unità Operativa di Otorinolaringoiatria (ORL) dell'Ospedale "Vito Fazzi", diretta dal Dott. Michele De Benedetto, ha ottenuto il Premio Nazionale per l'alto valore scientifico assegnato dalla Società Italiana di Otorinolaringoiatria (SIO) durante il suo 100° Congresso che si è tenuto a Roma in maggio scorso. Il primo ricercatore, la Dott.ssa Luigia Garrapa, che si è formato a Lecce con il Prof. Grimaldi, dopo aver svolto un Dottorato in Linguistica presso l'Università di Konstanz, è ora supportata da una seconda borsa di Dottorato erogata dal Dipartimento di Studi Linguistici e Letterari dell'Università di Padova che con lungimiranza ha finanziato questa ricerca a Lecce. Alla ricerca hanno collaborato anche il Center for Mind/Brain Sciences (CIMeC, di Rovereto, Trento), il Department of Biological Psychology and Neuropsychology dell'Università di Amburgo (Germania) e il Department of Linguistics dell'Università del Connecticut (USA). Nella ricerca Luigia Garrapa è stata affiancata dal Dott. Silvano Vitale, dalla logopedista Paola Monastero e dall'audioprotesista Manuela Greco, sempre dell'Unità Operativa di ORL del "Fazzi".
Lo studio s'inserisce all'interno delle attività del Laboratorio Diffuso di Ricerca intErdisciplinare Applicata alla Medicina (D.R.e.A.M.), nato da una convenzione fra l'Università del Salento e l'ASL/LE.
Per la prima volta in Italia la ricerca ha indagato l'effetto dell'impianto cocleare nei processi di percezione uditiva in un gruppo di bambini affetti da ipoacusia neurosensoriale grave/profonda comparati con un gruppo di normo-udenti (questo è il primo studio clinico-sperimentale che dimostra l'effettiva maturazione delle vie uditive centrali dopo l'impianto). Grazie alla combinazione di tecniche comportamentali e neurofisiologiche, mai sino ad ora applicate in clinica, è stato dimostrato che anche bambini impiantati a 3 anni dalla nascita dopo 70 mesi dall'intervento chirurgico per l'inserimento dell'impianto hanno performance uditive paragonabili a quelle dei normo-udenti. I risultati della ricerca aprono nuove prospettive d'indagine per lo screening e il follow-up dei soggetti audiolesi. Il gruppo di ricerca del CRIL e l'Unità Operativa di ORL del "Vito Fazzi" sono già al lavoro, da un lato per elaborare un software applicativo per la diagnostica oggettiva del recupero logopedico post-impianto tramite test di identificazione e discriminazione con stimoli vocalici invece dei tradizioni test con toni e parole basati sui giudizi clinici del logopedista, dall'altro per mettere a punto protocolli clinici che permettano la diagnosi precoce dell'ipoacusia neurosensoriale (infatti, i Potenziali Evento Correlati Uditivi, che non sono invasivi, possono essere rilevati anche nel sonno in bambini di pochi mesi).
È importante sottolineare che per la prima volta, nei 100 anni di esistenza della Società Italiana di Otorinolaringoiatria, il premio nazionale per l'alto valore scientifico è stato assegnato ad un gruppo di ricerca Ospedaliero-Universitario (non ORL) del Sud.